lunedì 18 settembre 2017

Gatto Brutto di Silvia Oriana Colombo Edizione VERBAVOLANT



Leggiamo molti libri per bambini e cerchiamo sempre nuovi autori, case editrici da scoprire e proporre nel nostro blog.

GattoBrutto di Verbavolant è una bellissima scoperta, è un libro che va letto ai propri bambini per la delicatezza e la semplicità con cui tratta temi importanti come l’accettazione di sé: accettare noi stessi, le nostre “diversità”, le nostre “particolarità”, non è cosa sempre semplice.
A volte il mondo esterno può stupirci e rispondere alle nostre paure in modo inaspettato e aiutarci ad apprezzarci. 






GattaMamma ha 4 gattini e li ama tutti e quattro allo stesso modo, ma forse non si rende conto di come si sente invece GattoBrutto. Ovviamente tutti  e 4 i fratelli sono belli in modo diverso, ma, sarà per colpa del suo pelo nero, annodato ed ingarbugliato, GattoBrutto vede belli solamente i suoi fratelli e non se stesso…
Per questo decide di allontanarsi da casa e qui inizia la sua avventura. 




Tra le molte avventure che non vanno propriamente come uno si aspetterebbe lui rimane se stesso e il mondo reagisce alla sua semplicità. Molti oggetti rimangono impigliati nel suo pelo ispido, persino un tesoro si nasconde in questo pelo nero ingarbugliato. GattoBrutto salva infatti, dalle grinfie di un gattaccio, un amico inaspettato: un topolino!
Proprio questo amico “fuori dal comune” farà sentire GattoBrutto accettato ed apprezzato.



GattoBrutto  non cerca l’approvazione degli altri, attraverso i suoi pasticci lui scopre di essere apprezzato, cercato e accettato per come è. Non importa quello che siamo fuori ma è importante come siamo dentro.
Un albo illustrato dalle chiare e vivaci illustrazioni che mixa perfettamente parole con immagini. Un libro che parla in modo divertente e coinvolgente di diversità, diversità che si fonde con unicità e dove ogni unicità è sempre ricca di potenzialità, perfetta e speciale.


Ve lo consigliamo!
Lo potete trovare qui:
Gattobrutto

Buona lettura!
#iquattromoschettieri


Nessun commento:

Posta un commento