sabato 3 dicembre 2016

L'importanza della prevenzione dentale nei bambini: ce la spiega il Dott. Luigi Vaira


Qual è l'età giusta per portare i bimbi alla prima visita dentistica? Quale approccio utilizzare per accompagnarceli in modo sereno e tranquillo? Fluoro ai bambini si o no?
Ecco alcune delle domande sulla prevenzione dentale che abbiamo posto al Dott. Varia, di seguito le sue risposte!


Molti genitori sono giustamente attenti alla salute orale dei loro figli sin dalla più tenera età.
Diciamo subito che l'età giusta per una prima visita dal dentista è attorno ai 3 anni, nel momento in cui la dentizione di latte si é completata.
È a questo punto, infatti, che occorrerà valutare innanzitutto il rischio carie ed anche se sono presenti alterazioni di funzioni fondamentali, quali la respirazione, la deglutizione e la fonazione, da cui potrebbe dipendere il successivo sviluppo di una mal occlusione dentaria.

Un corretto approccio da parte dei genitori è importantissimo nella fase precedente la visita odontoiatrica: occorre infatti che tale visita venga prospettata al bambino nella maniera più positiva possibile. Ovviamente, spetterà poi al dentista rendersi "simpatico" al piccolo paziente, usando opportuni atteggiamenti e modalità che lo inducano ad avere fiducia.


È inoltre piuttosto diffuso il concetto che le carie dei denti di latte possano essere ignorate perché "tanto cadono "...
Niente di più sbagliato, in quanto non solo i denti di latte consentono al bambino di masticare, ma svolgono anche la funzione di mantenitori di spazio per i denti permanenti che li seguiranno. Una perdita precoce potrebbe quindi portare ad alterazioni dell'eruzione permanente altrimenti evitabili.


Per quanto riguarda l'uso del fluoro a scopo profilattico della carie, esso può essere somministrato sotto forma di pastiglie o gocce, oppure può essere applicato direttamente sulla dentatura tramite dentifrici, gel o collutori.
Personalmente, preferisco senza dubbio la seconda soluzione, dal momento che l'assunzione per via orale del fluoro provoca in molti casi alterazioni della colorazione dei denti, la cosiddetta FLUOROSI, difficilmente eliminabili.
Questo, soprattutto se il fluoro é stato assunto in via continuativa tra il primo ed il sesto anno di età.

Meglio abituare il prima possibile il bambino al corretto uso di spazzolino e dentifricio, permettendogli di impararne progressivamente l'utilizzo, in modo che diventi un'abitudine consolidata.



Ringraziamo il Dott. Luigi Vaira, direttore sanitario della Clinica Brignone di Rivoli per le chiare ed esaustive risposte!

Se avete domande per il Dottor Vaira, scrivete a famigliatuttofare@gmail.com gireremo i vostri dubbi al dentista.

#famigliatuttofare

Nessun commento:

Posta un commento