martedì 31 maggio 2016

Pan di Spagna veloce e versatile!

Avete pochissimo tempo e giusto il minimo indispensabile nella dispensa? volete fare una torta per i bambini oppure stupire gli ospiti a cena? questa torta fa per voi!




Ingredienti:

6 uova
220 gr di zucchero
220 gr di farina

Prendete il mixer e montate i bianchi a neve. I bianchi devono essere fermi, riponeteli in frigo.
Tuorli con lo zucchero e poi piano piano la farina setacciata. Se il composto dovesse risultare troppo asciutto aggiungete due cucchiai d'acqua.
Incorporate i bianchi facendo attenzione a non "smontarli", mescolate dal basso verso l'alto.
















Infornate a 200°, per la cottura dovete vedere quanto la torta si alza e inizia a diventare colorata. Provate ad infilare un coltello e se non è sporco il pan di spagna è cotto.
Sfornate la torta aspettate che si raffreddi.




Dividete la torta in due dischi e qui potrete scegliere, in base a cosa avete in casa, la farcitura.
Se avete ad esempio della frutta sciroppata bagnate i due dischi col succo e poi potete tagliare la frutta ed inserirla in mezzo alla torta. Oppure succo di frutta per bagnare i dischi e fragole al centro.
Se poi avete tempo per fare della crema pasticcera il risultato sarà strepitoso!
   
Io non avevo la frutta ma avevo dei pezzi di cioccolato (avanzo delle uova di pasqua), ho sciolto al microonde la cioccolata con qualche cucchiaio di marmellata di Fragoline @Rigonidiasiago e vi assicuro che il risultato è da leccarsi le dita!






Buon appetito a tutti, grandi e piccini!


#iquattromoschettieri

Libri per bambini "Il compleanno del signor Guglielmo" di Anais Vaugelade - Babalibri

Eccoci ad un’altra puntata del nostro viaggio esplorativo tra i libri BABABUM



Oggi parleremo di “Il compleanno del signor Guglielmo”.


Il signor Guglielmo compie gli anni e, come per abitudine, decide di pranzare al ristorante per festeggiare.
Pronto per uscire di casa incontra prima un topo che curiosamente chiede dove si sta recando.. Guglielmo, tutto felice, risponde che sta andando al ristorante dove mangerà: “… un buon tiramisù, che è il dolce che gli piace di più!”. Il topo gli risponde che lui preferisce il formaggio e gli chiede se lo troverà.. Guglielmo ne è certo: d’altronde “è un ristorante eccezionale”. Così si avviano insieme al ristorante.

Sulla strada trovano anche una gallinella, un gatto, un maialino ed infine un lupo.. ad uno ad uno, tutti si aggregano al signor Guglielmo che li invita a seguirlo perché al ristorante troveranno quello che più desiderano di mangiare, così come lui non vede l’ora di mangiare il tiramisù.

Dopo tanto camminare ecco che arrivano al ristorante, dove la cuoca li sta aspettando, quando fanno l’elenco dei piatti che desiderano mangiare, la cuoca con tranquillità risponde che ha preparato la pasta la pomodoro. A gran sorpresa tutta la combriccola è felice perché tutti adorano la pasta al pomodoro: ma soprattutto amano stare in compagnia!!

La frase che il signor Guglielmo ripete ogni volta che incontra un nuovo personaggio, aiuta a rendere la storia interattiva con i vostri bambini. Saranno loro a ripeterla ad ogni nuova pagina. I disegni poi sono molto colorati ed esprimono il senso della storia, oggi Pietro stava sfogliando il libro da solo e ripeteva esattamente la storia solo guardando le figure. 

Adatto per bimbi dai 3 anni in su.
Buona lettura e al prossimo libro di Bababum!


Potete trovare questo libro anche su Amazon:


Il compleanno del signor Guglielmo

Buona lettura a grandi e piccini!

#iquattromoschettieri

Weekend ad Asiago!


Asiago centro
Siamo a casa ed ho subito scaricato le fotografie per rivedere i nostri momenti trascorsi in questo weekend ad Asiago, Federico comincia ad essere più indipendente e Pietro inizia ad apprezzare le gite e, per una volta tanto, nessuno è malato! :-)

Asiago è un bellissimo comune in provincia di Vicenza (Veneto), fa parte dell'altipiano dei sette comuni c.a. 1.000mt slm.

E' un luogo magico, con spazi immensi, la natura ci entra dentro e si respira solo pace e tranquillità. Ci sono due colori principali con tutte le sfumature: il verde dei prati e delle montagne e l'azzurro del cielo. C'è pace!
Parco giochi dell'Hotel Gaarten


Vista dall'Hotel Gaarten

Asiago è un'ottima metà invernale per chi ama sciare, mentre durante l'estate (noi la preferiamo soprattutto in questo periodo) è perfetta per l'escursionismo.
Ma Asiago non è solo questo: famosa e spesso ricordata per il formaggio che prende il suo nome, questo altipiano è altresì ricco di storia e cultura.

All'interno del comune Asiago si trova un osservatorio astronomico, nel 1942 vi era il più  grande telescopio d'Europa,  rappresenta una metà immancabile per famiglie con bimbi dai 5 anni in su per poter iniziare  ad approcciare il cielo e le stelle (chiamate il centro per programmare la vs visita).
La storia del formaggio Asiago si perde in quella delle popolazioni dell' Altopiano di Asiago, da cui trae il nome, la sua origine si fa risalire intorno all'anno mille.
Oggi l'Asiago è il quarto formaggio DOP di latte bovino del nostro Paese, ed è conosciuto da oltre il 95% degli italiani!
Noi abbiamo fatto una sosta al Caseificio Pennar che vi consiglio per la varietà dei prodotti e la cortesia del personale. Potrete assaggiare prima di acquistare e, come sempre succede a noi, tutto quello che assaggiamo poi lo compriamo! Pietro va matto per i formaggi stagionati.
Caseificio Pennar

Caseificio Pennar

Questa sera Asiago DOP con marmellate Rigorni
Abbiamo fatto una gita di un paio d'ore al sacrario militare di Asiago. Vorrei trasmettere ai miei bambini, sin da piccoli, il rispetto per la patria ma soprattutto il rispetto per chi ha dato la vita per permettere a noi di vivere nella PACE.
Nel sacrario riposano i resti di oltre 54mila caduti italiani ed austro-ungarici della I e II guerra mondiale, di cui oltre 33.000 ignoti.
Ci torno ogni anno e ogni anno provo emozioni diverse, sempre più forti come madre, apprezzo sempre di più la vita e quello che questi ragazzi hanno fatto per noi.
Come vi raccontavo, cerchiamo di trascorrere ad Asiago, ogni anno, qualche giorno ... e quest'anno abbiamo deciso di farlo nel contesto di "Asiago da fiaba". Ahimè la pioggia, che è scesa questo weekend, non ha aiutato l'organizzazione ma siamo comunque riusciti a fare un giretto sabato pomeriggio. C'erano molte postazioni, lungo tutto il paese, dedicate alle fiabe, giostre e assaggi gustosi, come ad esempio le marmellate Rigoni. I bambini hanno potuto partecipare a laboratori per strada e si sono divertiti un mondo a disegnare con i gessi a terra.

Casa dei dolci di Hansel e Gretel




Abbiamo terminato la nostra mini vacanza portandoci a casa formaggi, marmellate e le frittelle ripiene di crema!
Se siete in cerca di tranquillità e pace Asiago fa per voi, non potrete mai annoiarvi perché basterà guardare i paesaggi o perdersi in una passeggiata per sentirsi immediatamente più leggeri.
                                                                                    

http://www.asiago.it/it/home/
http://caseificiopennar.it/prodotti.htm
http://www.rigonidiasiago.com/
http://www.asiagocheese.it/it/

                                                                                                  #iquattromoschettieri

lunedì 30 maggio 2016

Torta di compleanno per bimbi: due idea fai da te !

Per il compleanno dei miei bimbi quest'anno ho preparato due torte diverse che assecondassero i gusti simili, ma diversi di entrambi, assolutamente qualcosa di facile e fattibile per chi ha poco tempo e non troppa dimestichezza fra i fornelli, come me :)

PRIMA TORTA a forma di tre
Buongiorno :)
Oggi iniziamo la settimana in dolcezza...parliamo di torte per bimbi!

Per i tre anni del mio vandalino mignon volevo fare una bella torta tutta per lui, che fosse di suo gradimento e che desse l'effetto wow...la soluzione l'ho trovata assemblando insieme vari spunti presi dai miei quaderni di ricette e on line, ma soprattutto trovando su amazon una teglia perfetta per la mia idea!

Torta di pan di spagna, ripiena di crema pasticciera e fragole a pezzi, ricoperta con panna montata, fragole e bastoncini di cioccolato tutto intorno!




Pan di Spagna

Ingredienti :
Fecola 75 gr
farina 75 gr
5 uova a temperatura ambiente
zucchero 150 gr
una bustina di vanillina
un pizzico di sale.

Unisci fecola, farina setacciata e uova, una alla volta, cercando di incorporare più aria possibile, aggiungi poi zucchero, vanillina e sale. Gira il tutto con delicatezza e nello stesso senso, non sbattere, se no l'aria esce :).
Versa il composto nella tortiera, precedentemente rivestita con carta forno, onde evitare di romperla togliendola, e inforna.
Metti in forno a 180 gradi per 30 min circa, controlla con stuzzicadenti la cottura.

La crema pasticcera:
4 tuorli
1/2 litro di latte intero
1 bustina di vanillina
60 gr di farina o maizena
100 gr di zucchero

Unisci i tuorli, lo zucchero, la farina e sbatti il tutto, aggiungi poi il composto ottenuto nel latte, fatto precedente intiepidire per qualche minuto.
Aggiungi alla crema pezzettoni di fragole.

fac simile di ripieno, ma su base rotonda

Togli la torta dalla tortiera, tagliala a metà in orizzontale, farciscila con la crema e fragole, rivestila con panna montata, copri con fragole intere e rivesti tutti i lati con bastoncini al cioccolato...voilà fatta!


 Ecco la fantastica tortiera trovata su amazon
Anokay Teglia Rettangolare / Tortiera con 12 Scatoline Rimovibili per Fare Torte in Qualsiasi Numero e Lettera / Composizione Tipografica Libera - Fai da Te



... a breve la seconda torta, continuate a seguirci : )

#famigliaborbottona

giovedì 26 maggio 2016

Libri per bambini "Sofia la mucca musicista" di Geoffroy de Pennart - Babalibri


Eccoci ad un’altra puntata del nostro viaggio esplorativo tra i libri BABABUM.

Un ottimo libro per spiegare ai bimbi la diversità che è insita nella società e far capire loro che diverso può essere bello e che nulla deve spaventare.

Vi consigliamo “Sofia la mucca musicista” edito da Babalibri.

 

Sofia è una mucca che vive in campagna, ama e vive per la musica ed è molto brava a cantare. Tutta la sua famiglia e il paese in cui vive assiste sempre volentieri ai suoi concerti.
Quando un giorno legge che verrà organizzato un concorso musicale, si mette in testa di parteciparvi, anche se questo vorrà dire andare in città. Accompagnata da tutti gli amici Sofia parte.

Appena arriva in città compra una cartina e un giornale, perché deve subito mettersi alla ricerca di un’orchestra, indispensabile per partecipare al concorso. Ma ecco che tra tutte quelle che trova, nessuna l'accetta nella propria orchestra a cantare... vuoi perché erbivora, vuoi perché troppo piccola o troppo bassa o perché marrone di colore o perché poco elegante.
Sconsolata, quasi per caso, in un caffè inizia a parlare con il cameriere (un elegante cagnolino) al quale racconta le sue disavventure.

Con sorpresa scopre che anche il cane cameriere è un musicista che allo stesso modo era stato rifiutato da varie orchestre, anche lui perché troppo lungo o troppo corto o con le orecchie troppo grandi..
Sofia non ha dubbi: propone subito di creare una loro orchestra in cui avrebbero scelto solo musicisti di talento a prescindere da qualsiasi forma/colore/estrazione sociale, avrebbero solo valutato la loro bravura in quanto musicisti!

Ed ecco che alle selezioni si presentano tanti candidati, tra i quali vengono scelti quattro eccellenti musicisti: tutti molto diversi tra di loro (un elefante magro, una zebra con la gamba di legno, un orso e un lupo troppo sentimentale), ma accomunati dal fatto di amare la musica ed essere bravissimi.

Sofia ha ora la sua orchestra “Gli Amici della Musica” e chissà se vincerà il concorso..?

Adatto per bimbi dai 3 anni in su.

Buona lettura e al prossimo libro di Bababum!
Potete trovare questo libro anche su Amazon:

Sofia, la mucca musicista


Buona lettura a grandi e piccini!

#iquattromoschettieri

Colorado: diario di viaggio con bimbi!

Il Colorado è stato l'ultima tappa del nostro on the road nelle praterie e Montagne Rocciose americane, visti i 18 mesi all'epoca del nostro vandalino mignon, abbiamo deciso di saltare alcune tappe molto belle, come la visita al Rocky Mountain National park e la risalita sulla Trail Ridge Road che tocca i 3700 mt di altitudine, preferendo stare a quote di altitudine sotto i 3000 mt come consigliato dalla nostra pediatra.
Sarà una buona scusa per tornarci nei prossimi anni.



Il nostro itinerario si è perciò orientato alla visita di Denver e di Colorado Springs e vi aggiungo anche due informazioni sul Mesa Verde National Park, visitato in un precedente viaggio e che merita assolutamente una visita.

Il Colorado è lo stato più montuoso degli USA e la stessa capitale Denver soprannominata " Mile High City" è alta un miglio, 1600 mt.

Denver 
Abbiamo visitato a piedi la 16th, Larimer Square e  Downton, nella zona si trovano moltissimi locali, bar e ristoranti e risulta una piacevole passeggiata. Una sosta che merita è alla The cheesecake factory sulla 16th, da provare una delle tante fette di torta!


Noi ci siamo poi soprattutto soffermati sul Denver Museum of Nature and Science e sul Denver zoo, due mete che sono state scelte in modo particolare per i bimbi.
I musei americani a noi piacciono molto perché permettono sempre ai bimbi di toccare, di testare ciò che vedono. L'interattività permette a loro di comprendere argomenti complessi e di viverli come un gioco, la frase letta al Museo di Scienze Naturali racchiude questo " Babies do what scientists do -again, and again and again...taste, smell, hear, touch..."
Il museo di Scienze naturali è veramente molto ben organizzato, tante sale diverse, dagli animali, ai minerali alle pietre preziose e soprattutto con molte aree per i bimbi per sperimentarsi, l'area alla ricerca di fossili di dinosauri è stata per il mio piccolo paleontologo il top!
All'esterno si trova poi un'ampia zona verde con parchi giochi e zone pic nic.
Lo zoo non è un posto che noi amiamo, ma ai bimbi è piaciuto molto e gli animali paiono ben tenuti.




















Colorado Springs .
Abbiamo visitato il bellissimo Garden of the gods a ovest della città, un parco gratuito, un luogo che colpisce per le rosse formazioni rocciose, con pinnacoli, pareti ed archi. Si può visitare in macchina fermandosi nei vari punti panoramici  o utilizzare a piedi i sentieri che si snodano fra le rocce, il percorso principale è di cemento,  visitabile perciò tranquillamente anche con il passeggino. La visita non richiede più di qualche ora, ma ne vale la pena, i colori fra l'azzurro del cielo, il rosso delle arenarie e il verde della vegetazione vi rimarranno impressi.



Mesa verde National Park
Un bellissimo sito archeologico e parco, conta di vari sentieri nella vegetazione da fare a piedi e della visita alle antiche abitazioni della popolazione pueblo, scavate nella roccia. Popolazione che scomparve improvvisamente nel 1300 D.c. Alcune abitazioni sono visitabili dopo una media passeggiata da soli, come la Spruce Tree House, alcune sono invece arroccate sulle rocce, come il Cliff Palace o il Balcony House, e sono visitabili solo attraverso visite guidate fatte dai Rangers. Alcuni percorsi  non sono pertanto adatti con il passeggino e perciò importante essere muniti di marsupi o zaini per i bimbi piccini, se si vuole visitarle.
         



















Consigli:
nei viaggi itineranti si macinano parecchi km in macchina, se abituati fin da piccoli, per i bimbi non sarà un problema,  noi comunque ci attrezziamo con  giochi, karaoke di gruppo e qualcosa da sgranocchiare nel tragitto.
Durante il percorso poi se incrociamo un bel parco giochi ci fermiamo, gli States su questo sono proprio ben attrezzati, a pranzo scegliamo aree pic-nic dove mangiare verdure fresche, panini e frutta, così i bimbi possono giocare e correre all'aperto, la sera infine cerchiamo di trovare motel che abbiano la piscina, da poterci tutti rilassare un po'!





Gli Stati Uniti d'America sono a nostro avviso una buona meta per i bimbi, hanno bellissimi parchi e musei, strutture ricettive adatte per le famiglie e a prezzi decisamente contenuti, sono sicuri , non a rischio malattie, con strutture ospedaliere efficienti e assolutamente fattibili da fare con un fai te!
L'unico costo sostanzioso è il volo, che però con alcuni accorgimenti, può essere notevolmente ridotto e compensato con motel economici, ma puliti!
Se volete informazioni in più su come organizzare un viaggio in Usa mandateci un e-mail, sarò felice di aiutarvi con qualche suggerimento: Famigliatuttofare@gmail.com


Per chi è all'inizio questa guida è perfetta:
Stati Uniti on the road. 52 favolosi viaggi su strada  

#famigliaborbottona

mercoledì 25 maggio 2016

Libri per bambini "ZEB e la scorta di baci" di Michel Gay - Babalibri


Eccoci ad un’altra puntata del nostro viaggio esplorativo tra i libri BABABUM.







Oggi parleremo di “ZEB e la scorta di baci”.

Si avvicinano le vacanze e questo libro è utilissimo se avete in programma un “temporale” distacco dai vostri bimbi (colonie estive, vacanze con i nonni o semplicemente per andare all'asilo o andare a fare la nanna).

ZEB è una piccola zebra che si prepara per andare al campo estivo al mare e mentre prepara il suo zaino, vedendo il suo pigiama capisce che dormirà fuori casa senza il suo papà e la sua mamma e di colpo gli passa la voglia di partire.. MA ecco che la mamma e il papà subito lo consolano e gli preparano una scorta di baci personalizzata tutta per lui: tanti foglietti baciati da un lato dal papà e dall’altro dalla mamma (i baci della mamma si riconoscono dal rossetto!), ben ripiegati ed infilati nella scatola, quasi a formare delle caramelle.. arrivato il giorno della partenza ZEB prende la sua scatola di baci e sale sul treno.


Sul treno ci sono tante piccole zebre come lui e mentre si apprestano a dormire, ZEB si sente un po’ solo e sotto la coperta prende un bacio dalla scatola e se lo appoggia forte forte alla guancia! UAO… la sensazione che prova è subito di gran conforto e si sente meglio. Ahimè nel vagone c’è una piccola zebra che inconsolabile piange e nessuno riesce a calmarla.. ma ZEB sa come consolarla, gli offre subito uno dei suoi “bacio caramella” dicendogli di appoggiare il foglietto sulla guancia e subito starà meglio.. e così avviene.
Tutte le altre zebre, piccole e grandi, sentendo la conversazione ne chiedono subito uno e ZEB distribuisce la sua scorta di baci. Come per magia, tutte si addormentano serenamente.

Al mattino tutti vogliono fare colazione ed essere amici di ZEB.
Zeb capisce quindi che non ha più bisogno della scatola di baci e ne fa dono alla piccola zebra che aveva consolato la notte prima.

Pietro prima di andare al nido mi chiede un bacio caramella da mettersi in tasca e la notte ne mettiamo uno sotto il cuscino. Lo rende più tranquillo e sicuro di sé.
Proprio oggi pomeriggio Pietro (3 anni) ha dato un bacio al palmo della mando di Federico (19 mesi) e gli ha detto: "così se senti la mia mancanza hai il mio bacio!". Direi che il messaggio arriva.

Mi aggiungo anch'io, la formula del bacio portatile è stato utilissimo anche per Lori nelle gite, il mio vandalino è un bimbo molto sensibile sempre un po' timoroso dei cambiamenti. Per l'ultima gita scolastica ho preso un dischetto di cotone, messo rossetto e stampato un bel bacio, Lori è stato molto contento e già per la prossima gita me l'ha richiesto!
 

Adatto per bimbi dai 2 anni in su.
Buona lettura e al prossimo libro di Bababum!

Potete trovare questo libro anche su Amazon

Zeb e la scorta di baci


#iquattromoschettieri

Torta salata crescenza e peperoni



Ingredienti:
due peperoni
una crescenza da 100 gr
un rotolo di pasta sfoglia
una manciata di parmigiano grattugiato
due uova
olio d'oliva
sale q.b

Tagliate a pezzettoni i peperoni, metteteli in una padella con olio, un po di acqua e un pizzico di sale,  ammorbiditeli  per una quindicina di minuti a fuoco basso, aggiungendo acqua se occorre.

Sbattete in una ciotola le due uova, unite il parmigiano e un pizzico di sale, mescolate il tutto.
Srotolate la pasta sfoglia e mettetela in una teglia, riempite con la crescenza tagliata a pezzi, peperoni e ricoprite con il composto all'uovo.


Mettete in forno riscaldato a 180 gradi per 15/20 minuti, appena la sfoglia è dorata togliete la torta dal forno.
Servitela calda...Buon appetito!


#famigliaborbottona